Buscemi: “Il Paese Museo”

Buscemi: “Il Paese Museo”
Buscemi: "Il Paese Museo"- Il Viaggio in Sicilia

Buscemi: “Il Paese Museo”

Buscemi è un piccolo paesino arroccato su una collinetta dell’altopiano ibleo (SR), situato a 761 metri s.l.m.. Un paese antico legato alla sua storia e alle tradizioni che domina la Valle dell’Anapo, circondato dalle testimonianze dell’antica Akrai, di Casmene e dalla Necropoli di Pantalica. Le radici storiche di Buscemi affondano nella protostoria, ma le prime notizie risalgono al periodo arabo. Ricostruita dopo il terremoto del 1693, è arricchita da rilevanti esempi di architettura barocca religiosa e civile.

L’origine del nome “Buscemi” viene fatta risalire all’antico arabo “Castello di quel dal neo” cioè “Castello dell’uomo con il neo“. Il termine “qalʾat” (قَلْعَة) significa castello o fortezza, il che denota la grande importanza strategica e militare che Buscemi possedeva in passato.

Attrattiva principale

In questo piccolo paese agricolo è stato organizzato un singolare itinerario etno-antropologico che ha dato a Buscemi la singolare definizione di “paese-museo”, considerato un esempio particolare in Europa. Comprende nove unità museali: I Luoghi del Lavoro Contadino, le cui “sale” si trovano disseminate in tutto il centro. Si tratta in effetti di ambienti che ripercorrono il lavoro e la vita della gente degli Iblei: la bottega del fabbro, il frantoio (ove sono state ambientate alcune scene del film La Lupa di Gabriele Lavia), la casa di un massaro e quella di un bracciante (lo Jurnataru), il calzolaio e del concia brocche, la bottega del calderaio, il falegname e il palmento, ove avveniva la pigiatura dell’uva. Il locale adiacente a quest’ultimo, ospita una piccola cineteca. Si consiglia la visione del filmato che illustra le attività lavorative del passato, ambientate nelle botteghe aperte alla visita. L’ottavo ambiente è un mulino ad acqua (Mulino S. Lucia) che serviva per la macinatura del grano e si trova a Palazzolo Acreide. All’interno è stato allestito un piccolo Museo della Macina del Grano.


Altri luoghi da visitare

L’itinerario permette di scoprire inoltre anche i monumenti barocchi, con la bella facciata della Chiesa Madre, quella curvilinea di S. Antonio da Padova e S. Sebastiano, e gli angoli più suggestivi e graziosi come ad esempio il “quartiere contadino” con costruzioni in pietra piccole e basse.

Chiesa di San Giacomo Chiesa di San Sebastiano Chiesa di Sant’Antonio da Padova Chiesa del Carmine.

Appuntamenti da non perdere

• APRILE – Sagra della ricotta
L’ultima domenica di Aprile vengono allestiti stand dove avviene la lavorazione dei prodotti caseari come: ricotta e vari tipi di formaggi e l’esposizione e vendita di prodotti tipici come olive, pomodori secchi funghi, ecc. La manifestazione si svolge nella via principale di Buscemi, ma la piazza è il vero centro della sagra dove vi sono spettacoli musicali per intrattenere i turisti.


• MAGGIO – Festa del Crocifisso
La festa del Crocifisso, celebrata ogni anno la prima domenica di Maggio, è la più antica di Buscemi. Il Crocifisso viene fatto uscire dalla chiesa del Carmine e portato in processione per le vie cittadine. A conclusione della processione viene dedicata una canzone come segno di devozione e successivamente viene recitato l’antico e tradizionale rosario in siciliano cantato.


• AGOSTO – Buscemi Paese Museo di notte
Il penultimo fine settimana di Agosto il museo effettua un’apertura notturna, durante la quale si può assistere all’esplicitazione di arti e mestieri, concerti, mostre, scambi culturali con altre regioni.

Festa della Madonna del Bosco
La festa della Madonna del Bosco, Patrona di Buscemi, viene celebrata l’ultima domenica di agosto ed è caratterizzata dalla processione del simulacro, portato a spalla nuda dai devoti. La statua esce dal Santuario e lentamente procede verso l’ingresso del paese per poi percorrere la lunga via sacrale, sempre identica nello scorrere del tempo, nel corso della quale si può assistere a un grande tripudio di affetto e di devozione, con numerosi bambini spogliati e offerti alla Vergine. La “ballata” rappresenta la conclusione dei festeggiamenti mattutini, prima che il fercolo entri nella chiesa Madre vengono lanciati “i nzareddi” al suo passaggio.


Dove si trova Buscemi? Scoprilo attraverso Il Viaggio in Sicilia!

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

Articoli correlati