Fino a 200 mila euro per restare al Sud

Fino a 200 mila euro per restare al Sud
Fino a 200 mila euro per restare al Sud- Il Viaggio in Sicilia

Resto al Sud!

“Si rivolge ai giovani tra i 18 e i 35 anni residenti in Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia: non ci sono scadenze per fare domanda”.

Le domande possono essere inviate sul sito di Invitalia e a presentarle devono essere giovani dai 18 ai 35 anni residenti in Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia.

1,25 miliardi di euro sono stati messi a disposizione per finanziare diverse attività, basta che siano al sud: servizi al turismo, alla ristorazione, piccoli trasporti, agricoltura, allevamenti, cultura e tantissimi altri.

Fino a 200 mila euro, allora, per aprire un’attività nel Mezziogiorno e restare nella propria terra a lavorare: il progetto del governo “Resto al Sud” per chi non ha un rapporto di lavoro a tempo indeterminato né è titolare di altre imprese attive né ancora, che beneficiato di altre agevolazioni negli ultimi tre anni.

Sono escluse dal finanziamento solo le attività libero professionali e il commercio. Il tutto per un importo che varia da un minimo di 50mila euro (se il richiedente è uno solo) fino ad un massimo di 200mila euro.

Nessuna scadenza. Il 35% inoltre è a fondo perduto mentre il restante 65% (restituibile in 8 anni) è garantito dallo Stato: non occorre presentare particolari garanzie per ottenere il finanziamento e i fondi non vengono assegnati in base a chi arriva primo a presentare la domanda, ma ogni proposta sarà vagliata.


> Leggi lo speciale PDF


Resto al Sud, così i giovani scelgono di rimanere o tornare nel Mezzogiorno

Viaggio in Sicilia
ADMINISTRATOR
PROFILE

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

Articoli correlati