Sagra del fico d’India ad Alimena

Sagra_Fico_Alimena_-10-690x450 Sagra del fico d’India ad Alimena

Dalle bucce fritte al Masticuttè, torna la Sagra del fico d’India ad Alimena, dal 7 all’8 ottobre.


Sabato alle 21.30, all’anfiteatro Giarratana, concerto gratuito della band folk Sirah. Degustazione gluten free ed eco friendly tra i viali alberati della Villa Comunale.


Prenderà, via sabato 7 fino a domenica 8 ottobre, la IV Sagra del Fico d’India e del Masticuttè di Alimena (Pa). Star della due-giorni, patrocinata dal Comune di Alimena e organizzata dalla Pro loco, il fico d’India, frutto simbolo della Sicilia, con la sua buccia piena di spine e il suo interno morbido, dolce e colorato, e il masticuttè, specialità alimenese che consiste in una deliziosa caramella che si ricava dal succo. Le pratiche per conservarlo, cucinarlo dall’antipasto al dolce, e ricavarne oggetti e tessuti saranno raccontate e messe in mostra all’interno della Villa Comunale. Lo spettacolo della band Sirah si terrà all’anfiteatro Giarratana. Ingresso gratuito. Pasto completo con ticket di 10 euro.

Il programma della IV Sagra del Fico d’India e del Masticuttè di Alimena

Ad aprire la IV Sagra del Fico d’India e del Masticuttè di Alimena sarà un incontro dal tema “Gli aspetti nutrizionali dell’Opuntia Ficus Indica”, alle 10,00 alla sala Balducci del Comune. Nel pomeriggio, l’inaugurazione dell’istallazione artistica raffigurante una pianta realistica di fico d’India, donata al Comune di Alimena. Seguirà l’apertura degli stand enogastronomici e artistico-artigianali. Alle 21,30 concerto della band etno Sirah, uno stile musicale in cui rock e funk si mescolano con la tarantella e la pizzica con zufolo, ciaramella e fisarmonica.

Domenica 8 ottobre, escursione guidata “La via delle pietre” alla zona archeologica della Balza Areddula e tour urbani condotti dagli studenti del Liceo linguistico di Alimena. Estemporanea di pittura dal tema: Alimena tra scorci e fichi d’India. E, ancora, A tia taliu, letture interpretate dal collettivo On the road, con dichiarazioni d’amore per Palermo e la Sicilia attraverso parole e cunti in chiave ironica. Infine, Libri d’Alta quota, presentazione delle biblioteche delle Madonie, per promuovere la lettura.

Le specialità ed il menù a base di fico d’india

Si potrà gustare succo, granita, frittelle, biscotti, la marmellata tutti di fico d’India, l’Opunzia, un formaggio semi-stagionato affinato nelle bucce di fico d’India e persino le bucce di fico d’India fritte. E, ancora, il caviale di fico d’India, fiori essiccati per decotto, e, dulcis in fundo, il Masticuttè, la mostarda essiccata al sole preparata come si faceva una volta. Anche gli stand artistico-artigianali sono a tema fico d’India: dalle sculture in ceramica ai bijoux in rame, alluminio e pietre; dalla biancheria da cucina ai vasi in terracotta e creazioni in fibra di fico d’India.

Dalle 12,00 di sabato 7 e domenica 8 ottobre, alla Villa Comunale di Alimena, degustazione del menù interamente a base di fico d’India, con portate gluten-free. Antipasto di ficodindia, cipolla rossa, capperi, olio e pepe; riso con succo di ficodindia, pancetta, mantecato al pecorino, rucola, melograno e scorza di limone; straccetti di pollo con riduzione di fico d’India aromatizzato con spezie; bucce di fico d’India fritte; sfingia al succo di fico d’India, liquore al fico d’India. Da gustare, per un ticket di 10 euro, in maniera rilassata nelle tavolate sistemate lungo i sentieri della Villa comunale con stoviglie plastic-free, intrattenuti dai canti e balli del gruppo folk locale Imachara, coreografie e canti in dialetto degli alunni dell’I.C. di Alimena e spettacolo al tramonto di Teatro danza con il fuoco.

Il commento della presidentessa della Pro loco, Irene Ciappa

“Le campagne di Alimena sono piene dei frutti di questa pianta che nessuno più raccoglie. È stata questa la nostra sfida, recuperare e ridare valore ad una risorsa sempre meno sfruttata e con essa riprendere antiche ricette e lavorazioni tradizionali – è il commento della presidentessa della Pro loco di Alimena, Irene Ciappa. Il Masticuttè, poi, la mostarda di fico d’India, è la nostra petite madelaine, preparata secondo tradizione, ed essiccata, come si faceva una volta, al sole, il meraviglioso sole di Sicilia, con tempi lunghissimi e una cura meticolosa”.

Link utile: https://www.facebook.com/prolocoalimena


di Milvia Averna milvia.averna@ideeinforma.it

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

Articoli correlati

Ultimi Post

Video